ENGITA

ENG The artist was inspired by ancient Egypt, starting with the magnificent granite statue of Ramses II (1303–1212 B.C.) housed at the Egyptian Museum in Turin. She has created a red and blue mirror for the greatest pharaoh. Lava black and coral red are the colours of the sumptuous mirror Nefertari (1295–1255 B.C.), the most illustrious of Ramses II’s wives. The mirror dedicated to Set(h)i I (1324–1279 B.C.), the pharaoh devoted to the god Seth, has the colours of the sun because Seti’s best friend was the sun god Ra. The mirror Sahura (whose coronation was 2500 B.C.) is electric blue and red. A stone statue of him stands in the Metropolitan Museum in New York. Tyrus, Kinda and Anaki are three mythical Egyptian figures who make up Sara Forte’s personal imagery: it was she who invented them. The mirror Tyrus is orangey red, Anaki is emerald green, while Kinda is lime green.

ITA L’artista si è ispirata al mondo egizio, partendo da quella magnifica statua in granito di Ramses II (1303–1212 a.C.) esposta al Museo Egizio di Torino. Per il più grande dei faraoni, ha creato uno specchio rosso e blu. Nero lava e rosso corallo è invece il sontuoso specchio di Nefertari (1295–1255 a.C.), la più illustre delle consorti di Ramses II. Lo specchio di Set(h)i I (1324–1279), faraone devoto al dio Seth, ha i colori del sole perché il miglior amico di Seth era Ra, il dio sole. Blu elettrico e rosso è lo specchio del faraone Sahura (incoronazione, 2500 a.C.), una cui maestosa statua in pietra troneggia al Metropolitan Museum di New York. Tyrus, Kinda e Anaki sono, invece, tre figure egizie mitiche che fanno parte dell’immaginario personale di Sara Forte, è lei che le ha inventate. Rosso-arancio è lo specchio di Tyrus, verde smeraldo quello di Anaki e verde lime quello di Kinda.

Scroll to Top